CRUISIN’ RECORDS 

Cruisin’ Records dal 1983 è una label discografica con la mission di produrre la musica senza dover seguire canoni e percorsi stereotipati, dettati, o ancor meglio, imposti, dalle mode, dalle tendenze e soprattutto dal potere del business e del profitto tout court. Che non significa “vietata la vendita”, bensì: “suono, arrangio, produco, vendo la musica che mi piace suonare e produrre con i musicisti ed i collaboratori con i quali, oltre la stima tra professionisti, si instaura un rapporto umano di amicizia e rispetto reciproco”.

L’obiettivo era chiaro ed evidente fin dall’inizio e cioè produrre musica senza confini, evitando le multinazionali ed i muri di gomma che impedivano alla musica prodotta in Italia di oltrepassare i propri confini ed invadere il pianeta territorio di caccia della musica bianca angloamericana.
Grande rispetto per i Beatles e i Rolling Stones e per quella lista infinita di artisti inglesi e nord americani che hanno iniettato il virus del Rock & Roll dal 1954 ai giorni nostri.
“Ma quanti anni ci abbiamo messo per scoprire artisti sudamericani, asiatici ed europei (oltre i confini del Regno Unito) che avrebbero potuto influenzare generazioni di giovani appassionati di musica?”

 

 

La musica “black” fu l’esempio ed il modello da seguire per tutti, ma non tutti l’hanno compreso. Gli anni ’70, e anche i ’60, furono determinanti e fondamentali per capire che la musica è nell’aria che respiriamo e nessuno potrà mai imbavagliarla, anche se qualcuno, e per diverso tempo, ci ha provato!

All’alba degli anni ’80 e dopo aver vissuto esperienze come musicista, dj di discoteche, dj e speaker radiofonico, autore di programmi radiotelevisivi, organizzatore di concerti e dopo sporadiche collaborazioni con la discografia nazionale, ero consapevole che fosse arrivato il tempo di uscire dal guscio e sparare le proprie cartucce.

Ci sono voluti tre anni per trovare i compagni di viaggio e per capire che era arrivato il momento magico per il cambiamento universale.

Entrare in uno studio con un’idea e pensare che quella frase musicale, quel testo azzardato, quel pensiero romantico, quegli accordi scontati, potevano attrarre e divertire, e far ondeggiare i fianchi a giovani e vecchi ovunque nel mondo.

A quel tempo c’era la volontà di suonare gli strumenti, inventare suoni originali, ritmi coinvolgenti, melodie caratterizzanti che, prima dei supporter, prendevano cuore, pancia e cervello degli stessi autori, compositori, arrangiatori, vocalist, fonici, djs, produttori, tutti coinvolti dalla stessa emozione.

Nel catalogo Cruisin’Records le canzoni e gli arrangiamenti avevano lo scopo di conquistare i dj, le discoteche ed i loro appassionati frequentatori e, tramite loro, arrivare a tutti senza soluzione di continuità.

ASCOLTA I TUOI ARTISTI PREFERITI

Ascolta su Spotify

Ascolta su Spotify

Ascolta su Spotify

Ascolta su Spotify

HIT PARADE

HIT PARADE

HIT PARADE

HIT PARADE

HIT PARADE

HIT PARADE